Log in

IN TRAPPOLA LA BANCA ! AZIENDA CONTROLLA CONTO CORRENTE !

December 30, 2015 by guest

Senza ombra di dubbio uno dei metodi più efficace per mettere in difficoltà una banca è quello di sottoporla ad un serrato controllo. Oggi esistono vari professionisti capaci di effettuare conteggi econometrici al fine di comprendere cosa sia dovuto e cosa no, ma è comunque necessario prestare molta attenzione alla scelta del professionista, l’ avvocato o il commerc...

Leggi tutto

Associazione D.E.C.I.BA incredibile successo

December 28, 2015 by guest

L’anno 2015 per l’associazione DECIBA rappresenta l’anno del successo, l’informazione profusa dal gruppo ha raggiunto milioni di persone. Grazie alle collaborazioni di blogger e gruppi social network abbiamo raggiunto i 30 milioni di contatti settimanali e i nostri Video hanno ottenuto fino ad 1 Milione di visualizzazioni. ...

Leggi tutto

BANCA ETRURIA : VIOLAZIONE DELLA COSTITUZIONE DA PARTE DEL GOVERNO

December 22, 2015 by guest

Tutta l’Unione europea è in radicale contrasto con la nostra costituzione economica.Intanto il principio del libero mercato e quello della concorrenza, dogmi fondamentali dell’Unione europea, contrastano con il principio della programmazione economica, costituzionalmente stabilito. La norma fondamentale della nostra costituzione economica, quella che è stata chiamata ...

Leggi tutto

Associazione D.E.C.I.BA incredibile successo

L’anno 2015 per l’associazione DECIBA rappresenta l’anno del successo, l’informazione profusa dal gruppo ha raggiunto...

Leggi tutto

Banche, servono misure su recupero crediti

  • Pubblicato in News

“Le misure che consentano di ridurre i lunghi tempi della giustizia italiana per recuperare i crediti non pagati sono ormai pronte ma il governo sta ancora negoziando con l’Unione europea per realizzare un veicolo munito di garanzia pubblica per comprare sofferenze, senza il quale il problema non sarebbe risolto”.

Sono proprio queste le parole del vice ministro dell'economia Enrico Morando (foto), che è intervenuto a Lucca al 23° Congresso Nazionale dell'Acri.

Morando inoltre ha detto che il governo è "fermamente orientato", anche a varare una misura per portare a un anno, dai cinque originari, gli ammortamenti fiscali di svalutazioni di crediti.

"Dobbiamo creare anche un mercato delle sofferenze bancarie e non vogliamo e dobbiamo fare cose analoghe a quanto fatto in altri paesi". La nazione Italia vuole evitare di incappare nel divieto di aiuti di Stato. "Non è aiuto se la garanzia è apposta a condizioni di mercato, se le cose vanno male la garanzia è esercitata e i contribuenti partecipano alle perdite". Aggiunge inoltre Morando che "se le cose vanno bene, lo Stato si fa remunerare a prezzi di mercato".

Questa soluzione, sempre secondo il vice ministro dell’economia, dovrebbe convincere gli uffici della Commissione che sono a detta sua particolarmente rigorosi.

I primi due interventi, che riguardano sia il recupero crediti che le svalutazioni, sono già molto importanti, ha detto Morando, "ma senza il veicolo sulle sofferenze non ci sarebbe una vera soluzione al problema".

Proprio oggi anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sottolineato come le sofferenze bancarie siano un freno alla crescita.