Log in

IN TRAPPOLA LA BANCA ! AZIENDA CONTROLLA CONTO CORRENTE !

December 30, 2015 by guest

Senza ombra di dubbio uno dei metodi più efficace per mettere in difficoltà una banca è quello di sottoporla ad un serrato controllo. Oggi esistono vari professionisti capaci di effettuare conteggi econometrici al fine di comprendere cosa sia dovuto e cosa no, ma è comunque necessario prestare molta attenzione alla scelta del professionista, l’ avvocato o il commerc...

Leggi tutto

Associazione D.E.C.I.BA incredibile successo

December 28, 2015 by guest

L’anno 2015 per l’associazione DECIBA rappresenta l’anno del successo, l’informazione profusa dal gruppo ha raggiunto milioni di persone. Grazie alle collaborazioni di blogger e gruppi social network abbiamo raggiunto i 30 milioni di contatti settimanali e i nostri Video hanno ottenuto fino ad 1 Milione di visualizzazioni. ...

Leggi tutto

BANCA ETRURIA : VIOLAZIONE DELLA COSTITUZIONE DA PARTE DEL GOVERNO

December 22, 2015 by guest

Tutta l’Unione europea è in radicale contrasto con la nostra costituzione economica.Intanto il principio del libero mercato e quello della concorrenza, dogmi fondamentali dell’Unione europea, contrastano con il principio della programmazione economica, costituzionalmente stabilito. La norma fondamentale della nostra costituzione economica, quella che è stata chiamata ...

Leggi tutto

Associazione D.E.C.I.BA incredibile successo

L’anno 2015 per l’associazione DECIBA rappresenta l’anno del successo, l’informazione profusa dal gruppo ha raggiunto...

Leggi tutto

Azionisti della Popolare di Vicenza in rivolta

  • Pubblicato in News

Oltre 200 richieste di assistenza alla Federconsumatori dopo la svalutazione dei titoli della banca. Ipotesi “class action”

Una richiesta di risarcimento danni nell’auspicio di arrivare subito a una soluzione stragiudiziale altrimenti sarà inevitabile adire le vie legali.

La Federconsumatori è decisa a utilizzare tutti i mezzi che la legge mette a disposizione dei risparmiatori, pur di andare incontro alle richieste che da giorni arrivano ai suoi sportelli da parte di possessori di azioni della Banca Popolare di Vicenza.

Il problema è presto spiegato: il CdA della banca, poco più di un mese fa, aveva comunicato la svalutazione del valore delle sue stesse azioni nella misura del 23,2 per cento, facendo così perdere improvvisamente a coloro che avevano investito nei titoli dell'istituto una considerevole parte dei loro risparmi.

C’è chi ha perso fino a 20 o 30mila euro, nonostante la banca avesse sempre assicurato agli investitori che, trattandosi di azioni il cui valore non veniva determinato in borsa ma dal consiglio d'amministrazione, non vi erano rischi.

Affermazione che i clienti avevano giudicato sufficiente.

La banca vicentina ha intanto diffuso un comunicato nel quale si afferma che «il CdA, esaminata la stima effettuata dall’esperto indipendente designato dall’istituto, così come previsto dallo Statuto – si legge nel testo - ha deliberato di proporre all'approvazione dell’assemblea dei soci un valore dell’azione pari a euro 48. La determinazione di tale valore è riconducibile agli effetti del “Comprehensive Assessment”, cioè della valutazione sullo stato di salute della banca, effettuato dalla BCE e ai conseguenti impatti sul patrimonio e sul target di capitale».

Il presidente della banca, Gianni Zonin, ha aggiunto che: «L’evoluzione del contesto normativo e regolamentare, unito agli effetti della lunga crisi economica, hanno indotto il CdA a proporre un adeguamento del valore dell’azione coerentemente con le rigorose analisi condotte dal perito indipendente».