Log in

BANDZ SRL AZIENDA ITALIANA PRODUTTORE LIQUIDI SIGARETTA

  • Pubblicato in News

 

 

Non fumo - e questo non è un bel modo per iniziare un report sulle sigarette elettroniche - ma amo la tecnologia, in particolare quel tipo di tecnologia che migliora le abitudini di vita. Se non fosse stato per quel piccolo display a LED, che ricorda più uno smartphone che una sigaretta, la mia attenzione si sarebbe soffermata su qualcos'altro e non avrei chiesto al mio amico - accanito fumatore - qualcosa in più sul ''gadget tecnologico" che maneggiava con orgoglio e che semplice gadget, come diremo in seguito, non è.

La sigaretta elettronica aiuta veramente a smettere di fumare? Fa male -  se lo fa -  ed in che misura rispetto alla sigaretta tradizionale? Svapare e fumare sono la stessa cosa? Queste alcune delle domande poste da chi non è profondamente immerso nel mondo delle cosiddette e-cig. Il tecno fan si chiederà poi se anche la sigaretta elettronica può essere considerato un ulteriore esempio di tecnologia che porta benefici al consumatore. Per rispondere, è necessario armarsi di pazienza, raccogliere informazioni da fonti attendibili e senza preconcetti, analizzare i trend del mercato, e consultare le principali normative in materia.

Molti danno troppa considerazione alla sigaretta elettronica e non al liquido, in realtà quello che ci mettiamo dentro è proprio il liquido e bisognerebbe prestare attenzione anche a questo argomento. Fortunatamente ci sono controlli molto rigidi in questo settore ma in tutti i settori cè chi lavora bene e chi lavora meno bene, affidarsi ad aziende Italiane con una comprovata esperienza è fondamentale sia per l'utente finale sia per  chi vende il prodotto.

Il Dott.Filippo Zini Aromatiere della BANDZ SRL ITALIA rilascia un'interessante intervista dove spiega la differenza dei liquidi e quali pericoli ci possono essere . 

https://youtu.be/BgsUDupOR3U

 

Il liquido per sigaretta elettronica è composto da pochi ingredienti: Glicole Propilenico (PG), Glicerina Vegetale (VG), acqua, aromi e nicotina.  In genere i liquidi per e-cigarette contengono sia il PG che il VG e, spesso, uno dei due prevale sull’altro.  Alcuni liquidi sono completamente privi di nicotina; gli altri ingredienti rimangono esattamente gli stessi.

COME VIENE PREPARATO IL LIQUIDO PER SIGARETTA ELETTRONICA?

La creazione del liquido per sigaretta elettronica è un processo lungo e, proprio come con qualsiasi altra ricetta, gli ingredienti vanno misurati attentamente prima di essere miscelati.  Questo aspetto è particolarmente importante per la nicotina; quest’ultima deve essere misurata alla perfezione per ottenere la corretta gradazione.

Innanzitutto, gli aromi vengono aggiunti alla base di PG e VG e miscelati. In genere, basta solo un piccolo quantitativo di aromi per dare al liquido il gusto che si cerca.  La nicotina viene dunque aggiunta al composto e miscelata vigorosamente, affinché si incorporino bene tutti gli ingredienti. Dopodiché, il liquido viene lasciato a riposo per alcuni giorni, per far sì che l’aroma diventi più ricco e corposo.  A volte, questo processo viene definito, “steeping”, informalmente, ed è un concetto simile a quando un pezzo di carne viene fatto frollare o a quando una bottiglia di vino viene arieggiata prima di essere bevuta.

PERCHÉ PG E VG VENGONO USATI NEL LIQUIDO?

 

Il Glicole Propilenico e la glicerina vegetale vengono comunemente usati come additivi in diversi prodotti alimentari, tra cui gelati e biscotti. In genere, entrambi i composti aiutano a preservare i cibi, ma vengono anche usati per diluire la nicotina nei liquidi per sigaretta elettronica.

Purtroppo diversi articoli online propagano false informazioni sui liquidi per e-cigarette sostenendo che quest’ultimi contengono dell’antigelo. Si tratta di un errore nato da un fraintendimento sulle origini del glicole propilenico.  Questo composto sintetico biologico presenta un basso tasso di tossicità, e viene generalmente confuso con un altro ingrediente trovato negli antigeli – il glicole etilenico.     La glicerina vegetale, invece, viene spesso estratta dall’olio di cocco o dai fagioli di soia.

Usando diverse proporzioni di PG e di VG, si generano liquidi leggermente diversi tra loro.   Il PG non ha gusto, e viene più comunemente usato come base perché compromette meno il sapore del liquido.  Un alto quantitativo di PG rende il liquido più fluido – facilitando così la pulizia della e-cig – e le nuvole di vapore meno dense.  D’altro canto, una quantità maggiore di VG nel tuo liquido genererebbe nuvole molto più grandi durante la svapata. Tuttavia, è bene notare che il VG è caratterizzato da un sapore piuttosto dolciastro; pertanto, non può essere usato con tutti gli aromi.

 

Meglio non fumare niente, ma se proprio dovete meglio essere informati e rivolgersi a professionisti seri e certificati