Log in
  • Ipoteca la casa, per il tasso di Usura

    Ipoteca la casa, per il tasso di Usura

     

    Un imprenditore aveva chiesto un prestito di 275 mila euro a una finanziaria, e in poco tempo si è ritrovato indebitato per altri 72 mila euro (oltre al capitale) tra interessi e commissioni. Così, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria hanno scoperto che la «F&f» prestava denaro a tasso d’usura. I militari hanno anche sequestrato soldi e beni della società per un importo pari a 680 mila euro, profitto derivante dall’applicazione dei tassi usurari a una quarantina di imprese per un totale di 700 pratiche.

    Nonostante l’intervento dei finanzieri, l’imprenditore era già stato costretto a chiudere l’attività e a ipotecare la casa. Per poter applicare un tasso usurario all’insaputa del cliente, l’intermediario sottoponeva per la firma un contratto dove era indicato un tasso annuale nominale (Tan) inferiore di svariati punti rispetto al Tasso annuale effettivo globale (Taeg), che comprende anche le spese per l’erogazione del finanziamento. E con qualche magheggio in materia di tecnica bancaria, riuscivano a far risultare tassi d’interesse sempre inferiori al «tasso soglia». Come l’imprenditore costretto al fallimento, anche le altre decine di imprenditori hanno accetatto le condizioni della finanziaria senza sapere dove li avrebbe portati quel prestito. L’indagine (coordinata dal pm) ha portato al sequestro deciso dal “gip” sui conti dell’internediario e della finanziaria.

  • CARTELLE EQUITALIA: QUANDO SI HA IL DIMEZZAMENTO DEI TERMINI DI PRESCRIZIONE?

    CARTELLE EQUITALIA: QUANDO SI HA IL DIMEZZAMENTO DEI TERMINI DI PRESCRIZIONE?

    La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. 20213/2015, è intervenuta in merito al termine di prescrizione delle cartelle di pagamento di Equitalia, stabilendo la prescrittibilità dei crediti Equitalia in cinque anni, anziché in dieci, nei casi in cui questi originino da atti non definitivi.

    Il termine ordinario di 10 anni, infatti, si applica solo a cartelle che derivino da accertamenti ormai divenuti irrevocabili, ossia non impugnati né pagati dal contribuente, oppure oggetto di sentenza passata in giudicato.

    Il caso riguardava un soggetto raggiunto da una serie di cartelle esattoriali relative alla tassa rifiuti per gli anni dal 1998 al 2004. Il contribuente aveva presentato ricorso sul presupposto che fosse intervenuta la prescrizione quinquennale, prevista dall’articolo 2948 del Codice Civile, del potere esattivo dell’imposta, stante il fatto che il Comune aveva consegnato i ruoli all’agente della riscossione oltre il termine di legge. La ricostruzione veniva accolta sia dalla Commissione Tributaria Provinciale di Cosenza sia dalla Commissione Tributaria Regionale di Catanzaro. Secondo i giudici di merito, infatti, doveva essere applicato proprio l’articolo2948 C.c. e non l’articolo2946 C.c., che invece fissa a 10 anni il termine della prescrizione.

  • Come fare a scegliere la migliore sigaretta elettronica in base alle proprie esigenze

     

    Come fare a scegliere la migliore sigaretta elettronica in base alle proprie esigenze

     

    La sigaretta elettronica ha visto un vero e proprio boom di acquisti, soprattutto negli scorsi anni quando il fenomeno dello "svapo" si affacciava sul mercato per la prima volta. Dopo questo boom, però, i fumatori che avevano visto nella sigaretta elettronica il modo ideale per smettere di fumare le cosiddette "bionde", erano rimasti poco soddisfatti del prodotto e ciò, da un lato ha fatto calare le vendite, dall'altro ha spinto i produttori a migliorare quelle che erano le pecche della sigaretta high tech,in questi ultimi anni ci sono stati molti miglioramenti e anche i liquidi per sigaretta elettronica attraverso aromi diversi hanno avuto importanza nella scelta . 

     

    Le sigarette elettroniche, sono molto migliori a quelle che si trovavano in circolazione già solo 5 anni fa e, nonostante la vendita e la moda che ruotavano intorno a questo fenomeno le hanno viste balzare alla ribalta e poi tornare fin quasi all'anonimato, acquistare una sigaretta elettronica adesso può effettivamente offrire una opportunità per chi vuole smettere di fumare o vuole darsi un'alternativa aromatica rispetto a quella del tabacco.I liquidi sono aquistabili ormai ovunque,tabacchini,negozi specializzati,amazon . 

     

    I liquidi sono tutti uguali ? Assolutamente no,bisogna prestare molta attenzione,esiste un mercato "nero" anche in questo settore,ed il rischio è proprio la salute,un'intervista rilasciata dal Dott.Filippo Zini Aromatiere della bandz srl http://www.bandz-srl.eu/bandz/specifica quali rischi ci sono e perché affidarsi a produzioni certificate . 

     

    Qui L'intervista https://youtu.be/BgsUDupOR3U

     

    Quale sigaretta elettronica scegliere per non avere rimpianti

     

    Scegliere la migliore sigaretta elettronica è un must per chi vuole effettuare un acquisto in questo senso, anche perché i prezzi delle sigarette elettroniche possono essere anche impegnativi per certi versi. Ragion per cui avere le idee ben chiare nel momento dell'acquisto, può offrire un buon modo per risparmiare e non avere rimpianti.

     

    Calibrare la scelta in base alle esigenze è sempre la migliore strategia. Ad esempio, se si è dei forti fumatori e si vorrebbe smettere di fumare sigarette classiche, scegliere una sigaretta elettronica che può atomizzare sia aromi alla nicotina che privi della sostanza potrebbe essere un vantaggio strategico per eliminare via via il vizio del tabagismo.

    Scegliere una sigaretta elettronica con tanti aromi, invece, potrebbe essere l'ideale anche per chi non vuole smettere di fumare, ma ama variare i gusti e le possibilità, sfruttando in questo caso il vantaggio offerto dalle sigarette elettroniche. La scelta, ovviamente, è molto ampia e prevede tante combinazioni, dunque, è sempre bene avere le idee chiare e capire che un acquisto del genere è utile solo se rispecchia realmente le proprie esigenze di fumatore

    L'importante è rivolgersi sempre a rivenditori certificati,sia la sigaretta elettronica sia i liquidi devono essere prodotti controllati,in caso contrario ci potrebbero essere rischi per la salute. 

     

     

  • CONTROLLARE LA BANCA ANDRA' DI MODA DI GAETANO VILNO'

    CONTROLLARE LA BANCA ANDRA' DI MODA


    Il Presidente DECIBA Gaetano Vilnò

    Prima ti offendono, ti rendono debole, tolgono le risorse piano piano, arrivano a togliere quella dignità che sempre ti ha contraddistinto nella vita. Incontro ogni giorno imprenditori di ogni tipo, piccoli artigiani, medio imprenditori e anche grandi imprenditori; la cosa che più li accomuna è l'indebolimento psicologico che nel tempo ha fatto da padrone. Spesso dopo aver visionato i documenti ed avere riscontrato varie anomalie le domande che vengono poste sono ”... VINCIAMO? che pericoli ci sono? e se troviamo un giudice corrotto? e se cambia la legge? se mi chiedono rientri? se mi minacciano?”
    Paure su paure, uno stato mentale che non permette di essere lucidi. La banca è un'azienda, molti credono che la banca davanti alla legge si trasformi in qualcosa di così potente da mettere al muro persone e giudici! Ogni giorno sentiamo di dirigenti bancari indagati, basta una semplice ricerca sul web per verificare che ci sono centinaia di sentenze contro le banche. Purtroppo questo argomento è poco affrontato ma, fidatevi, la legge funziona e i giudici bravi e onesti sono molti di più di quelli corrotti. Io credo nella giustizia e controllare l'operato della propria banca dovrebbe essere una normalità: dovrebbe essere normale avere un consulente esterno alla banca che ti controlli contratti, mutui e leasing. Il consulente bancario non può essere il consulente del cliente ovviamente, per un chiaro conflitto di interessi. Proviamo a pensare ai casi Cirio, Parmalat, bond argentini e tutti i fatti recenti di questi ultimi giorni: se ci fossero stati consulenti esterni avrebbero fatto un'analisi della proposta e qualsiasi esperto vi avrebbe sconsigliato di comprare azioni o derivati di quel tipo. Controllare la banca non rientra nella professione del commercialista o avvocato, per questo tipo di attività ci vogliono specializzazioni particolari, a volte può accadere che gli stessi avvocati o commercialisti siano esperti in materia ma non è sempre scontato. Controllare l'operato della banca non dovrebbe essere una difesa estrema, dovrebbe essere la normalità, anche le aziende sane dovrebbero abituarsi a controllare l'operato bancario per comprendere cosa è giusto e cosa no. In quanti di noi hanno pagato assicurazioni assurde per ricevere un mutuo o un prestito? Quanti di noi hanno comprato azioni o derivati per riceve un'apertura di credito? La maggior parte di queste sono pratiche estorsive, alla fine quel credito concesso vi costerà molto di più di quanto si pensi.
    Oggi grazie alle nuove professioni che stanno nascendo è possibile fare verifiche a ritroso, è possibile controllare i conti correnti dal 1952 in poi se non sono stati chiusi da oltre 10 anni. Per quanto riguarda mutui, leasing e prestiti vale la stessa regola. Il mio consiglio è di armarsi di conoscenza: una volta fatto ciò si possono fare scelte consapevoli.

  • Eclatante dichiarazione 80% dei Mutui non è regolare

    Eclatante dichiarazione 80% dei Mutui non è regolare

    Il Presidente Deciba Dott.Gaetano Vilnò

    Abbiamo fatto un'analisi a campione su 100 Mutui,oltre 80% contiene illegittimi di diverso tipo,in caso di usura la banca dovrà restituire tutti gli interessi pagati e quelli futuri non versarli ,nel caso di indeterminatezza o nullità circa 2/3 degli interessi devono essere restituiti come da normativa . Il Mutuo rimane in essere,cambierà il piano di ammortamento .

    Oggi privati e aziende devono fare controlli adeguati,ci sono molti nemici in questo campo,ma i risultati parlano chiaro. Dobbiamo affidarci a società serie e bravi professionisti,DECIBA garantisce proprio questo. Oggi avere consulenti esterni di controllo e supervisione dell'operato bancario è fondamentale,ogni giorno nella verifica econometrica dei conti correnti abbiamo sorprese eclatanti

    www.deciba.it
    uff 0521/241417
    mobile 338/1063708
    email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

    Esempio di controllo di un conto corrente

    REVOCA DI FALLIMENTO

    Questo video spiega perfettamente come controllare il proprio documento di Mutuo/Leasing

    Video

  • L'ASSOCIAZIONE D.E.C.I.BA APRE LE PORTE

    Considerando le molte richieste di entrare a far parte dell' ASSOCIAZIONE DECIBA, il Presidente Gaetano Vilnò annuncia l'apertura di nuovi uffici su tutto il territorio italiano.
    Lo scopo dell'Associazione è divulgare l'informazione e dare assistenza ai cittadini. Richiediamo moralità, trasparenza e preparazione. La nostra credibilità è data sia dai risultati, sia dalla trasparenza che ci ha sempre contraddistinto. I professionisti esterni scelti da DECIBA saranno selezionati sempre al massimo livello, DECIBA è e vuole restare un punto di riferimento affidabile per i controlli degli illeciti bancari.
    L'apertura di una sede territoriale DECIBA richiede grande responsabilità. Noi, come sede centrale, daremo il supporto adeguato a tutte le situazioni che si presenteranno. La nostra mission è controllare i vari illeciti bancari su mutui,leasing e conto correnti. L'attività ASSOCIATIVA DECIBA sarà completamente gratuita, solo le questioni che richiedono l'intervento di professionisti avranno dei costi. Non cerchiamo venditori di nessun tipo, cerchiamo professionisti già affermati che vogliano far parte del progetto di diffusione DECIBA, cerchiamo persone oneste che vogliano dedicare tempo ed energie ad aiutare la gente. Si precisa che l'attiva professionale sarà esterna e non sarà lo scopo principale di DECIBA .