Log in
  • USURA NEI CONTRATTI BANCARI ,LA DENUNCIA DI DECIBA

    Il credito riveste sempre più un ruolo centrale nella vita di famiglie e imprese,ma per evitare di prendere decisioni sbagliate,sovraindebitarsi e sottoscrivere contratti ad alto rischio o con tassi di usura occorre avere una adeguata conoscenza dei prodotti finanziari. Attraverso la nostra attività di controllo e consulenza dei prodotti finanziari ha affermato il Presidente Nazionale  D.E.C.I.BA Dott.Gaetano Vilnò situazioni illegittime che mettono in risalto innumerevoli illeciti e reati commessi dalla banca. Le violazioni rilevate più frequenti sono Usura e indeterminatezza per quanto riguarda Mutui,Lesing,Prestiti,per poi passare al famoso Anatocismo che appartiene al mondo dei conto correnti affidati . A fronte di controlli econometrici DECIBA www.deciba.it ha stabilito che il 70% dei contratti sotto accertamento contengono illeciti o reati,l'articolo 1815 cc stabilisce  che nel caso di superamento tasso soglia usura il contratto diventa gratuito. In parole semplici viene restituiti il solo capitale e non gli interessi. La materia è specifica e richiede una preparazione adeguata,attualmente troppe persone improvvisate hanno intrapreso il diritto bancario creando l'effetto contrario,perdere la causa. Il Presidente DECIBA Gaetano Vilnò assicura  che la Legge funziona ed è giusto chiedere i propri diritti,la maggior parte delle cause perse sono per errori professionali. Avvocati,Periti,consulenti,Associazioni,Caf,paradossalmente abbiamo visto che sono proprio  loro a commettere gli errori più eclatanti. Un aspetto interessante è la negoziazione,quando la banca comprende di avere torto spesso accetta di transare senza necessariamente andare in causa,accade il perfetto contrario quando ci sono perizie sbagliate o professionisti che propongono alla banca diritti non dovuti. Fate causa alla banca ma accertatevi che il vostro professionista sia preparato nella materia . 

     

    Ulteriori informazioni www.deciba.it 

  • VI SPIEGHIAMO IL SIGNIFICATO DI USURA

     

    L'usura bancaria è un reato, ormai in molti lo sanno, ma paradossalmente in pochi sanno che cosa è veramente. Se volete la legge sull'usura, la potete trovare qui.

     

    Il significato di usura: anticamente, il normale interesse pagato per un prestito; ora, interesse eccessivo o esorbitante, illecito: prestare a u. ; anche, l'attività di chi presta a tali condizioni e il reato che compie.

     

    L'usura è divisa in due parti, complementari tra loro, usura soggettiva e usura oggettiva. 

     

     

    Usura soggettiva: presunto reato di pericolo. Parte dallo stato di bisogno, ovvero quando la parte debole per motivi legati alla sua situazione finanziaria si trova costretta ad accettare un prestito o finanziamento a tassi che si discostano di parecchio rispetto al tasso medio.

     

    Usura oggettiva: effettivo reato di usura bancaria.

     

    Un contratto di finanziamento diventa usuraioquando, il calcolo degli interessi e la somma delle spese ( imposte, istruttoria, notaio, ecc.) superano il livello soglia usura del TEGM ( Tasso Effettivo Globale Medio) o ISC ( Indice Sintetico di Costi). 

    In questo caso potremmo riscontrare usura soggettiva.

     

     

    Per qualsiasi informazione su mutui, contratti di leasing, conti correnti, equitalia, cartelle esattoriali, vi consigliamo:
    DECIBA TREVISO:

    Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. –  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

    Tel. 0422 456003 – Cell. 349 9480562

     

    Precisiamo che, qualora si dovesse riscontrare un'usura soggettiva, l'illecito andrà dimostrato, invece, quando si riscontra un'usura oggettiva non occorrerà dimostrare l'illecito, in quanto l'usura oggettiva comporta già un reato effettivo.

     

    Informiamo anche per chi volesse calcolare il tasso soglia usura che dopo aprile del 2011 il metodo di calcolo è cambiato, ovvero, per i mutui erogati compreso il mese di aprile 2011 si calcolava: tasso medio + 50%; per i mutui erogati da maggio 2011 ad oggi il tasso soglia usura viene calcolato: tasso medio + 25%+ 4 punti. 

     

    In caso di riscontro di un usura soggettiva, spetterà al giudice in questione, “giudicare” se attuare la legge oppure no, perciò vi consigliamo sempre di affiancarvi a dei professionisti di diritto bancario, perché l'avvocato che presenta la causa di usura soggettiva, deve essere: un professionista, competente in materia e per finire, deve avere esperienza acquisita nel settore. 

     

     

    Se sei stato oggetto di usura bancaria, vi consigliamo DECIBA TREVISO ti assistesu tutto il territorio:

    Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. –  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

     

    Tel. 0422 456003 – Cell. 349 9480562

     

  • Wikileaks: 'Nsa spiava il governo giapponese. Sotto controllo anche Mitsubishi'

    Le intercettazioni top secret svelano anche i piani dell'attuale primo ministro Shinzo Abe in tema di cambiamento climatico. Sorvegliati anche i colossi dell'economia nipponica

    Cinque intercettazioni top secret e trentacinque “selectors”, ovvero trentacinque numeri di telefono, rivelano la profonda attività di sorveglianza dell'americana National Security Agency (Nsa) contro il governo giapponese. A finire ascoltati sono stati il ministro dell'Economia e dell'Industria, i dipartimenti finanziari del governo di Tokyo, il dipartimento degli affari monetari, la prima linea del governo, ma anche due grandi multinazionali: Mitsubishi e Mitsui.

    A rivelarlo è l'organizzazione di Julian Assange, WikiLeaks, che oggi pubblica le intercettazioni e i selectors in collaborazione con “l'Espresso” e con un team di media internazionali, tra cui il quotidiano giapponese Asahi Shimbun, quello tedesco Sueddeutsche Zeitung e l'australiano “The Saturday Paper”.

    Le cinque intercettazioni top secret risalgono agli anni 2007-2009 e raccolgono anche i piani dell'attuale primo ministro Shinzo Abe – che già aveva ricoperto questa carica dal 2006 al 2007- in tema di cambiamento climatico. In una delle trascrizioni delle conversazioni ascoltate si racconta come nel 2007, nel preparare la visita a Washington, il governo giapponese valutava se, durante l'incontro, il premier Abe dovesse menzionare o meno l'obiettivo del Giappone di ridurre le emissioni di anidride carbonica entro il 2050. Poiché l'amministrazione di George W. Bush non gradiva affatto discussioni sul cambiamento climatico, tirare fuori il discorso del taglio delle emissioni poteva rivelarsi senza dubbio una scelta problematica.

    Dalle trascrizioni risulta che il ministro degli Esteri giapponese stesse valutando perfino la possibilità «di non informare in anticipo gli americani di questa intenzione, perché il ministro non si aspettava che Washington avesse approvato un tale obiettivo [del taglio delle emissioni, ndr], considerando le reazioni finora registrate da parte degli Stati Uniti in tema di cambiamenti climatici». Dall'intercettazione, però, emerge che durante un briefing tenutosi nella residenza ufficiale di Shinzo Abe, era stato infine deciso di menzionare la questione durante la visita negli Usa, «informando prima gli Stati Uniti».

    CILIEGIE TOP SECRET

    Un'intercettazione del 2009, invece, dà una misura di quanto sia capillare la sorveglianza della Nsa, che arriva ad ascoltare il governo giapponese – e probabilmente tutti gli altri governi- anche su questioni minime.

    Nella trascrizione si racconta che «funzionari del ministero dell'Agricoltura, Foreste e Pesca del Giappone recentemente stavano cercando dei sistemi per prevenire un danno alle relazioni con gli Stati Uniti a causa della decisione del ministro di ritardare l'importazione delle ciliegie di origine statunitense, una decisione dettata dai politici e dagli agricoltori giapponesi». Per evitare problemi con il potente alleato, i funzionari di Tokyo valutano che il ministro dell'Agricoltura dovrebbe ammettere con Washington «attraverso canali non ufficiali, che la decisione è stata il prodotto di pressione politiche».

    SPIONAGGIO ECONOMICO

    Le cinque intercettazioni top secret e i trentacinque selectors tolgono ogni dubbio che la sorveglianza della Nsa abbia anche finalità economiche: ad essere ascoltati non sono stati solo ministri e funzionari dei ministeri e dei dipartimenti economici, ma anche due colossi dell'economia giapponese: le multinazionali Mitsubishi e Mitsui. Nella lista dei selectors, infatti, figura la divisione gas naturale della Mitsubishi e la divisione petrolio della Mitsui. Se sono in lista è perché sono stati presi di mira.

    Quando è scoppiato per la prima volta lo scandalo Nsa, gli Stati Uniti hanno risolutamente negato che lo spionaggio economico sia un obiettivo della sorveglianza di massa della Nsa, insistendo che le attività della National Security Agency siano esclusivamente finalizzate alla protezione della sicurezza nazionale e della lotta al terrorismo. Quando, però, dai file di Edward Snowden è emerso che la compagnia petrolifera brasiliana “Petrobras” era uno degli obiettivi della Nsa in Brasile, è diventato praticamente impossibile negare.