Log in
  • Attenzione Liquido per sigaretta elettronica: come sceglierlo, quali sono sicuri e quali no

     

     

     

    Attenzione Liquido per sigaretta elettronica: come sceglierlo, quali sono sicuri e quali no

    Il miglior liquido per sigaretta elettronica: scegli il gusto e la giusta concentrazione di nicotina per dire basta al tabacco!

    Hai finalmente deciso di dare un taglio alle sigarette tradizionalie sostituirle con i vaporizzatori personali, ma non sai come scegliere il liquido adatto che risponda alle tue esigenze?

    Per darvi delle giuste indicazioni, abbiamo richiesto parere e consulenza a una delle aziende storiche del settore, Bandz Srl (www.bandz-srl.eu) il cui staff tecnico ha soddisfatto tutte le nostre curiosità. Vediamo insieme le caratteristiche più importanti che un liquido per sigaretta elettronica deve assolutamente avere (gusto e concentrazione di nicotina).

     

    Qui  https://youtu.be/BgsUDupOR3U Interessante intervista del Dott.Filippo Zini Aromatiere 

     

    Liquido per sigaretta elettronica: come sceglierlo

    I liquidi per le sigarette elettroniche sono composti da due sostanze principali, il glicole propilenico(Il glicole propilenico può essere prodotto industrialmente dalla reazione di idratazione dell'ossido di propilene. Attraverso un processo di purificazione si ottiene un Glicole Propilenico di grado farmaceutico di grado USP/JP/EP/BP che è tipicamente puro al 99.5% o più) e il glicerolo(è un componente dei lipidi (oli e grassi) e dei fosfolipidi o glicolipidi, dai quali viene ottenuto per idrolisi o trans-esterificazione). Questi due componenti vengono utilizzati sia nell’industria cosmetica per la produzione di creme e sieri che nell’industria farmaceutica per assunzione orale. Oltre a queste sostanze, i liquidi per la sigaretta elettronica contengono aromi, acqua e, a seconda dei modelli, nicotina.

    Gli aromi possono essere grossolanamente suddivisi in tre grandi categorie:

    1. Aromi Naturali: ottenuti tramite estrazione da materie prime naturali o composti da molecole chimiche naturali spesso ottenute per biosintesi; in questo caso le molecole che compongono l’aroma sono identiche chimicamente alle naturali anche da un punto di vista “Stereochimico”.

    2. Aromi Naturali Identici le cui molecole sono identiche o meglio simili (non entro volutamente nei dettagli tecnici troppo complessi) a quelle naturali, ma ottenute per sintesi chimica in laboratorio (ad esempio la Vanillina da tutti comunemente usata)

    3. Aromi Artificiali: le molecole chimiche che li compongono, sono state sintetizzate in laboratorio e non sono mai state riscontrate in natura. (ad esempio L’ethyl-Vanillina)

    Quale tipo di liquido scegliere per la propria sigaretta elettronica? Ne esistono diverse tipologie.

    Liquidi premiscelati

    Si tratta di liquidi che trovi già confezionati in comode bottiglie da 10ml (formato massimo consentito dalla TPD, legge che regolamenta questi prodotti a livello europeo).

    Sono dei liquidi pronti all’uso, dotati di contagocce e tappo childproof, che non richiedono l’ausilio di altri accessori, perché sarà sufficiente inserire il liquido all’interno dell’atomizzatore prima di svapare. 

    Liquidi fai da te

     

    Questo tipo di liquido è del tutto personalizzabile perché sarai tu stesso a crearlo. Se lo desideri, potrai anche miscelare tra loro i liquidi già pronti, ma devi fare attenzione a fare il piccolo chimico perché rischio prima di tutto di ottenere risultati gustativi pessimi e dover buttare via tutto, ma anche perché mischiare molecole che non si conoscono può essere dannoso per la salute.

     

  • BANDZ SRL AZIENDA ITALIANA PRODUTTORE LIQUIDI SIGARETTA

     

     

    Non fumo - e questo non è un bel modo per iniziare un report sulle sigarette elettroniche - ma amo la tecnologia, in particolare quel tipo di tecnologia che migliora le abitudini di vita. Se non fosse stato per quel piccolo display a LED, che ricorda più uno smartphone che una sigaretta, la mia attenzione si sarebbe soffermata su qualcos'altro e non avrei chiesto al mio amico - accanito fumatore - qualcosa in più sul ''gadget tecnologico" che maneggiava con orgoglio e che semplice gadget, come diremo in seguito, non è.

    La sigaretta elettronica aiuta veramente a smettere di fumare? Fa male -  se lo fa -  ed in che misura rispetto alla sigaretta tradizionale? Svapare e fumare sono la stessa cosa? Queste alcune delle domande poste da chi non è profondamente immerso nel mondo delle cosiddette e-cig. Il tecno fan si chiederà poi se anche la sigaretta elettronica può essere considerato un ulteriore esempio di tecnologia che porta benefici al consumatore. Per rispondere, è necessario armarsi di pazienza, raccogliere informazioni da fonti attendibili e senza preconcetti, analizzare i trend del mercato, e consultare le principali normative in materia.

    Molti danno troppa considerazione alla sigaretta elettronica e non al liquido, in realtà quello che ci mettiamo dentro è proprio il liquido e bisognerebbe prestare attenzione anche a questo argomento. Fortunatamente ci sono controlli molto rigidi in questo settore ma in tutti i settori cè chi lavora bene e chi lavora meno bene, affidarsi ad aziende Italiane con una comprovata esperienza è fondamentale sia per l'utente finale sia per  chi vende il prodotto.

    Il Dott.Filippo Zini Aromatiere della BANDZ SRL ITALIA rilascia un'interessante intervista dove spiega la differenza dei liquidi e quali pericoli ci possono essere . 

    https://youtu.be/BgsUDupOR3U

     

    Il liquido per sigaretta elettronica è composto da pochi ingredienti: Glicole Propilenico (PG), Glicerina Vegetale (VG), acqua, aromi e nicotina.  In genere i liquidi per e-cigarette contengono sia il PG che il VG e, spesso, uno dei due prevale sull’altro.  Alcuni liquidi sono completamente privi di nicotina; gli altri ingredienti rimangono esattamente gli stessi.

    COME VIENE PREPARATO IL LIQUIDO PER SIGARETTA ELETTRONICA?

    La creazione del liquido per sigaretta elettronica è un processo lungo e, proprio come con qualsiasi altra ricetta, gli ingredienti vanno misurati attentamente prima di essere miscelati.  Questo aspetto è particolarmente importante per la nicotina; quest’ultima deve essere misurata alla perfezione per ottenere la corretta gradazione.

    Innanzitutto, gli aromi vengono aggiunti alla base di PG e VG e miscelati. In genere, basta solo un piccolo quantitativo di aromi per dare al liquido il gusto che si cerca.  La nicotina viene dunque aggiunta al composto e miscelata vigorosamente, affinché si incorporino bene tutti gli ingredienti. Dopodiché, il liquido viene lasciato a riposo per alcuni giorni, per far sì che l’aroma diventi più ricco e corposo.  A volte, questo processo viene definito, “steeping”, informalmente, ed è un concetto simile a quando un pezzo di carne viene fatto frollare o a quando una bottiglia di vino viene arieggiata prima di essere bevuta.

    PERCHÉ PG E VG VENGONO USATI NEL LIQUIDO?

     

    Il Glicole Propilenico e la glicerina vegetale vengono comunemente usati come additivi in diversi prodotti alimentari, tra cui gelati e biscotti. In genere, entrambi i composti aiutano a preservare i cibi, ma vengono anche usati per diluire la nicotina nei liquidi per sigaretta elettronica.

    Purtroppo diversi articoli online propagano false informazioni sui liquidi per e-cigarette sostenendo che quest’ultimi contengono dell’antigelo. Si tratta di un errore nato da un fraintendimento sulle origini del glicole propilenico.  Questo composto sintetico biologico presenta un basso tasso di tossicità, e viene generalmente confuso con un altro ingrediente trovato negli antigeli – il glicole etilenico.     La glicerina vegetale, invece, viene spesso estratta dall’olio di cocco o dai fagioli di soia.

    Usando diverse proporzioni di PG e di VG, si generano liquidi leggermente diversi tra loro.   Il PG non ha gusto, e viene più comunemente usato come base perché compromette meno il sapore del liquido.  Un alto quantitativo di PG rende il liquido più fluido – facilitando così la pulizia della e-cig – e le nuvole di vapore meno dense.  D’altro canto, una quantità maggiore di VG nel tuo liquido genererebbe nuvole molto più grandi durante la svapata. Tuttavia, è bene notare che il VG è caratterizzato da un sapore piuttosto dolciastro; pertanto, non può essere usato con tutti gli aromi.

     

    Meglio non fumare niente, ma se proprio dovete meglio essere informati e rivolgersi a professionisti seri e certificati